Protezione Civile San Zenone Lambro e Sordio

GRUPPO COMUNALE PROTEZIONE CIVILE

SAN ZENONE AL LAMBRO E SORDIO

Vai ai contenuti
Cos'è la
Protezione Civile?



                                                                                                   
                   
Previsione, Prevenzione, Soccorso,
Superamento dell'Emergenza.

Un servizio di gestione dell'emergenza,
organizzato in termini di leggi appropriate e
procedure definite, capace di contrastare
l'impatto sulla comunità di qualsiasi disastro,
emergenza naturale o causata dall'uomo,
attraverso l'addestramento, la correlazione,
la cooperazione e l'applicazione coordinata
di tutte le risorse umane e tecnologiche disponibili.


 




" Il Volontariato rappresenta l’espressione più elevata della solidarietà di carattere sociale, civile e culturale, che si realizza mediante l’ esercizio di un’attività offerta in modo personale, spontaneo e gratuito.
Lo Stato riconosce il valore sociale e la funzione dell’opera svolta dall’Organizzazione di Volontariato, ne promuove lo sviluppo e ne garantisce l’autonomia, regolamentando il rapporto con le Istituzioni pubbliche.
L’attività del Volontariato deve essere coordinata dalle Istituzioni mediante rapporti che devono svilupparsi secondo un modello di autentica collaborazione, con chiarezza dei ruoli e l’ assunzione delle reciproche responsabilità, privilegiando  spazi di confronto e di ricerca per elaborare e realizzare progetti di interesse collettivo.
La presenza e l’impegno del volontariato agiscono come elementi di impulso nei confronti delle Istituzioni e contribuiscono a promuovere lo sviluppo della cultura della protezione civile con iniziative di sensibilizzazione nei confronti della    popolazione e della scuola.
E’ inequivocabile che il volontariato non deve cedere alla tentazione di sostituirsi all’Ente pubblico, che ha compiti irrinunciabili per la tutela dei diritti dei cittadini ed il volontariato stesso deve essere consapevole sia:
• della propria forza, rappresentata dalle motivazioni, dall’atteggiamento di disponibilità e dalla capacità dinamica delle azioni;
• dei propri limiti, che si identificano nell’incertezza di mantenere nel tempo le strutture di riferimento, condizionate dalla disponibilità di risorse economiche-finanziarie e di conseguenza non in grado di garantire in assoluto la continuità  dell’esercizio delle attività."
Torna ai contenuti